Work in Progress - progetto individualizzato per giovani adulti

Lunedì - Venerdì 9:00 – 16:00

Mensa

Il progetto mira alla sperimentazione di iniziative formativo - occupazionali in ambiente lavorativo protetto o competitivo per persone affette da disturbi dello spettro autistico, finalizzate alla migliore integrazione socio - lavorativa possibile, implementando contemporaneamente le abilità sociali e le autonomie.

Il servizio prevede attività sia interne al centro diurno Home Special Home che esterne (presso aziende private).

 Il progetto prevede il servizio di mensa, che viene gestito dagli educatori assieme ai ragazzi, al fine di insegnare loro abilità di autonomia domestica e di favorire l'ampliamento e l'indipendenza nelle abilità di cucina.

Durante le mattine vengono svolte le attività a carattere lavorativo. Sono attualmente attive collaborazioni con quattro aziende esterne: l'Azienda agricola - vivaio Passone di Persereano (Pavia di Udine), l’agriturismo Monte del Re di San Pietro al Natisone, il supermercato Carrefour diTavagnacco e l’Associazione Banco Libero di Udine.

I ragazzi del progetto si recano una volta a settimana in ciascuna azienda per prestare opera lavorativa e apprendere nuove competenze.

gabri vivaio

Nelle giornate restanti sono previste attività interne quali: preparazione materiali per le attività individuali o utili al funzionamento del centro, attività di pulizia e riordino dei locali del centro, catalogazione e produzione di materiali per l'Associazione, attività spesa e di cucina, mantenimento e potenziamento delle abilità scolari e apprendimento di nuove lavorazioni per la cucina. Sono inoltre previsti laboratori individualizzati, strutturati per fornire strumenti di compensazione delle difficoltà sociali, relazionali e di autonomia di ogni singolo ragazzo.

Dopo il pranzo, i ragazzi partecipano ai laboratori Special Needs, aggregandosi ad altri compagni, che la mattina sono impegnati in attività scolastiche.

Social Media

Fai una donazione

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Nome e Cognome 
Indirizzo e-mail 
    

michele con mascherina

Una guerra quotidiana all’interno delle famiglie con autismo nella difficile lotta al virus

 In questa speciale giornata dedicata alle persone con autismo a livello mondiale è   importante far sentire la nostra voce, la voce dei familiari di persone con autismo,   nonostante il tempo così inclemente, il tempo del Coronavirus che ha ulteriormente   messo alla prova tutti noi e ci ha repentinamente sbattuto difronte uno scenario di   guerra.

 Noi famiglie dell’autismo eravamo già in guerra prima, una guerra subdola e silenziosa   dentro e fuori casa per rendere effettivi quei diritti alla salute, alla riabilitazione, allo   studio, alla presa in carico delle nostre persone adulte gravi e medio-gravi in servizi a   loro adeguati. E per le persone ad alto funzionamento e sindrome di Asperger per   ottenere servizi di supporto psicologico e scolastico e per l’avvio al lavoro.

 Oggi le nostre famiglie sono fortemente provate, stanno male: sono chiuse nelle loro   case, ma non sono al sicuro, la loro guerra è fuori casa perché c’è il virus, ma è anche   dentro casa con il loro fragile figlio che debbono aiutare 24 ore al giorno ,   supportandolo nelle crisi quotidiane, anche in presenza di fratelli e sorelle (invisibili )   nella loro riabilitazione on line (se risulta possibile), nel fargli comprendere queste   stringenti nuove regole che anche le persone comuni fanno fatica ad accogliere. Le   madri e i padri dell’autismo sono in prima linea, sempre!

 

Oggi ancor di più!

Ecco allora il nostro appello, NON DIMENTICATECI, non dimenticateci in questo momento dove la maggiore fragilità si percepisce all’interno dei nostri ospedali, dove eroici medici, infermieri e oss assieme a tutto il personale (compreso quello che si occupa delle pulizie) stanno quotidianamente lottando contro un nemico invisibile e feroce.

NON DIMENTICATECI perché i nostri fragili figli hanno bisogno di maggiori attenzioni oggi, dobbiamo riaprire i nostri servizi e lo faremo con l’aiuto dell’azienda sanitaria, ma anche dovendo reperire materiali per la sanificazione dei locali, dispositivi sanitari (mascherine, tappetini per la santificazione delle scarpe, guanti, disinfettanti) utili a contenere il rischio di contagio;

5x1000

C'è un modo di contribuire alle attività di ProgettoAutismoFVG che non ti costa nulla: devolvere il 5 per mille della tua dichiarazione dei redditi. Basta inserire il nostro codice fiscale 94100060303 e la tua firma nella dichiarazione dei redditi.

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter- invia una mail a eventi@progettoautismofvg.it